Viaggiare in treno: un’esperienza unica che sta tornando in auge

di Laura Boni
viaggio in treno

Nonostante le numerose opzioni disponibili per muoversi in Italia, dall’auto al pullman, dall’aereo alla nave, il treno ancora oggi rappresenta la scelta “romantica” per eccellenza. Se è vero che tale mezzo di trasporto, per numero di passeggeri, è stato sopravanzato in questo millennio dall’aereo (grazie alla riduzione dei prezzi dei biglietti), viaggiare in treno conserva quella magia che nessun altro metodo di trasporto è in grado di assicurare. Ma scegliere questa soluzione è vantaggioso anche per altri motivi, che esamineremo ora nel dettaglio.

Un modo di viaggiare comodo e affascinante: raffronto con aerei e auto

Il treno è l’alternativa ideale per godere delle ore di viaggio, anche limitandosi a osservare dal finestrino il paesaggio che cambia di chilometro in chilometro. L’aereo catapulta letteralmente i passeggeri da una parte all’altra dell’Italia, mentre il treno dà modo di viaggiare “con lentezza”. Tiziano Terzani descriveva l’esperienza in treno come capace di “rimettere addosso la disusata curiosità per i particolari, affina l’attenzione per quel che si ha attorno, per quel che scorre fuori del finestrino. Sugli aerei presto s’impara a non guardare, a non ascoltare”. Chi è abituato a muoversi in treno non può non apprezzare:

  • assenza delle operazioni di check-in
  • niente code in attesa dell’imbarco
  • niente tempo perso per recuperare i bagagli
  • nessuna procedura da seguire prima di decollo e atterraggio
  • assenza di cinture

Questo senza considerare il tempo prezioso perso decidere cosa inserire e cosa escludere dal bagaglio a mano, nel tentativo di non superare il peso imposto dalle compagnie aeree. Spostarsi in treno significa anche non avere a che fare con caselli, rallentamenti causati da cantieri stradali e incidenti. Ora che lo spostamento tra Regioni non è più limitato a causa del Coronavirus è il caso di approfittarne.

Comfort e comodità a bordo di una carrozza

Negli ultimi anni si è assistito a un costante miglioramento dei servizi, alla ricerca continua della qualità. I sedili sono sempre più comodi, e mettono a disposizione dei viaggiatori anche prese di corrente e attacchi per le cuffie. In treno è possibile leggere un libro, ascoltare musica, guardare un film su tablet o Pc, parlare al cellulare, scrivere al computer, lavorare.

Chi lo desidera può alzarsi e raggiungere la carrozza ristorante per mangiare o concedersi un caffè. Un aspetto del viaggiare in treno viene spesso trascurato: la bellezza delle stazioni di partenza e arrivo. Se spostandosi per lavoro il tempo per dare un’occhiata non è sufficiente per guardarsi intorno, farlo per andare in vacanza permetterà di soffermarsi qualche istante sulle scelte architettoniche delle stazioni.

Mezzo di trasporto ecologico che gode di una rete capillare

Il treno è un mezzo estremamente rispettoso nei confronti dell’ambiente. È sufficiente pensare alle scie di carburante rilasciate dagli aerei, o alle sostanze inquinanti provenienti dai tubi di scarico delle auto. Le emissioni di anidride carbonica sono circa 1/10 di quelle dell’aereo, mentre il consumo energetico risulta di 7 volte inferiore. Altro vantaggio del treno è il fatto di disporre di una rete capillare, consentendo a chiunque di scegliere l’orario di partenza e la tipologia di treno più in linea con le esigenze personali. È al giorno d’oggi è piuttosto difficile trovare delle mete che non sia possibile raggiungere direttamente in treno.

Se la maggior parte dei viaggi verso luoghi lontani vede come protagonista l’aereo, questo non significa necessariamente che volare sia l’opzione migliore. Spesso tale scelta è dettata solamente dalla necessità di spostarsi velocemente. Ma in molti stanno riscoprendo un piacere che pareva ormai dimenticato: quello del viaggiare in treno. I vantaggi indicati nel testo sono sufficienti per indurre a provare questa esperienza almeno una volta nella vita, magari già dalla prossima vacanza.