Il Collegio 5: Andreini e Grambone espulsi, cos’è successo

di Giovanna Codella
il collegio

Finisce il percorso di Alessandro Andreini e di Ylenia Grambone, alunni della quinta stagione de Il Collegio. I due alunni sono espulsi dall’Istituto Regina Margherita, dopo essersi comportati in modo irrispettoso con il professor Andrea Maggi.

Clicca qui per comprare il libro di questa edizione del Collegio!

Durante la lezione speciale dedicata alle elezioni politiche, l’insegnante invita ciascun studente ad elaborare il nome, lo slogan e il simbolo di un partito con cui candidarsi.

il collegio 1992

Alessandro Andreini, pensando che il compito sia stato studiato per favorire Andrea Di Piero, fonda il movimento F.I.G.A.  Pur riuscendo a far ridere i compagni, il ragazzo fa irritare il professor Maggi che a a sua volta viene accusato dall’alunno di essere “un pervertito” per aver colto un’allusione nell’acronimo. Cacciato il ragazzo dall’aula, il docente de Il Collegio chiede un parere sull’accaduto agli altri studenti:

Pensavo di avere a che fare con delle persone che avessero un quoziente intellettivo superiore a quello di un cassetto. Per stare a Il Collegio bisogna esserne degni. Il signor Andreini è il vostro rappresentante di classe, vi sentite rappresentati in questo momento?

A prendere le difese di Alessandro Andreini è Ylenia Grambone, così il professore caccia anche lei dalla classe. Terminata la lezione, al momento del cambio dell’ora, la ragazza continua a provocare l’insegnante. Ylenia intima al professore di lasciare l’aula in modo da poter rientrare e sedersi al suo banco.

Le offese e le mancanze di rispetto portano Ylenia Grambone e Alessandro Andreini a finire dal preside, che li espelle immediatamente da Il Collegio, dopo l’osservazione di Maggi: “Abbiamo ammesso due alunni sbagliati“.

Il Collegio – S2020 – L’espulsione di Alessandro A. e Ylenia – 01/12/2020 – Video – RaiPlay

Il Preside, d’accordo con il professor Maggi, caccia Alessandro A. e Ylenia da “Il Collegio” in quanto protagonisti di un episodio che il dirigente non esita a definire “inqualificabile”