Nonostante abbiano venduto milioni di dischi e fossero la band più amata al mondo, Liam Payne ha vissuto dei momenti molto bui mentre era negli One Direction. Il cantante 24enne lo ha confessato durante una emozionante intervista rilasciata al The Sun, che ha subito scatenato la pronta risposta dei fan su Twitter con l’hashtag #WeLoveAndSupportYouLiam.

Non sarei dovuto salire sul palco per molti dei concerti che abbiamo fatto, se devo essere sincero, se devo essere brutalmente sincero” ha confessato, “Uscivo e mi mettevo una maschera di felicità e cantavo le canzoni, onestamente, ogni tanto mi sentivo come se stessi indossando uno di quei costumi, che la gente non capisce quello che c’è sotto“.

 

Un episodio in particolare è accaduto nell’Ottobre del 2015, all’apice del successo degli One Direction. La band ha cancellato una show a Belfast perché Liam era “malato”, ma in realtà era depresso per la fine della sua relazione con Sophia Smith: “Ho lasciato che mi abbattesse. Non stavo bene emotivamente. Stavo attraversando un momento molto difficile ed ho permesso che mi portasse giù un po’ troppo. Ecco cos’è successo” ha continuato a raccontare.

Più facevamo, più pensavo che non ci siamo mai fermati per celebrare abbastanza quanto grandioso fosse quello che stavamo facendo e penso che questo ci abbia schiacciato alla fine” ha detto. “Mi dicevo, ‘Oh, hai appena vinto 3 Emas, ma sali sull’aereo e vai nel prossimo posto“.

Ora che è un cantante solista ed i ritmi sono di gran lunga rallentati, le cose per lui vanno molto meglio. “So che i fan non sono arrabbiati per questo… ne avevamo bisogno” ha detto parlando della pausa degli One Direction. “Avevamo bisogno di un po’ di tempo per noi stessi. Avevamo bisogno di trovare il modo di amare di nuovo quello che facevamo, piuttosto che essere solo un lavoro. Sono una persona completamente diversa oggi rispetto a chi ero un tempo“.

Cosa ne pensate di questa onesta intervista di Liam Payne?