Poco tempo fa, vi abbiamo parlato dell’handlettering e della calligrafia, due passioni esplose di recente sui social. A questo proposito, abbiamo intervistato per voi le tre admin del gruppo Facebook Calligrafando insieme, Anita, Martina e Francesca.

Le tre ragazze, che si sono conosciute sul web, hanno creato solo pochi mesi fa (esattamente a gennaio), il primo gruppo di calligrafia in Italia.

La pagina, ad oggi, conta oltre 4200 iscritti e come hanno dichiarato le admin, nasce con l’obiettivo di “condividere con tutte voi la passione per la calligrafia, l’handlettering, la scrittura moderna e tutto ciò che ha a che fare con questo splendido mondo”.

Ecco cosa hanno raccontato a noi di Gingergeneration.it!

Ciao ragazze! Ci raccontate come vi siete conosciute e come è nata l’idea del gruppo?

Martina: L’ideatrice del gruppo sono io; mi è venuta questa idea perché amo questo mondo e tutto quello che c’è intorno al mondo dei planners. Mi rendevo conto che spesso si parlava di calligrafia, scritte, penne, su come si facevano le scritte. Le domande erano in gruppi di agende che, però, parlavano di calligrafia. Da lì, ho pensato che mancasse un posto dove poter parlare di queste cose.

Conoscevo Francy attraverso altri gruppi, le proposi questa cosa e le è piaciuta subito l’idea. Da lì, abbiamo pensato di inserire un’altra figura per non gestire solamente in due il gruppo e mi propose Anita. La conoscevo indirettamente dai video di YouTube ma non ci avevo mai parlato di persona. Francy, allora, ha fatto da intermediario nel chiederlo ad Anita e da lì è nato il nostro gruppo.

Francesca: Ci siamo conosciute perché io giravo su Internet nei vari mercatini di vendita on line di cose “cartopazzose”. Ho conosciuto Martina perché faceva gli stickers; dopo aver acquistato varie volte da lei, abbiamo iniziato a chiacchierare, diventando praticamente amiche, sentendoci quasi tutti i giorni.

Di Anita, invece, commentavo i video su YouTube, le avevo chiesto qualche informazione sulle sue agende e viceversa, ha iniziato a scrivermi lei per i Traveler’s notebook, per chiedermi informazioni. Abbiamo cominciato a sentirci, a chiacchierare e conoscerci bene. Visto che io e Martina scrivevamo con le brush pen, mi ha chiesto se avessi voglia di gestire con lei un gruppo di questo tipo. 

Ho chiesto a Martina di coinvolgere Anita visto che la conoscevo bene,  aveva girato anche lei un video sull’handlettering e aveva questa passione come noi. Così abbiamo iniziato a sentirci in un gruppo tutte e tre, Martina ha aperto la pagina e piano piano siamo cresciute.

Anita: Io ho conosciuto per prima Francy, mi contattò per delle delucidazioni sul bullet e abbiamo iniziato a parlare dell’Hobonici, l’agenda giapponese che io già avevo e che lei voleva acquistare. Io volevo acquistare il mio primo Midori o simil Traveler’s Notebook  e visto che lei era esperta in questo, abbiamo iniziato a parlare. Conoscevo, poi, tramite le sue foto, anche Martina, perché facevamo parte degli stessi gruppi.

Una mattina, proprio Martina, mi contattò dicendomi che aveva avuto l’idea di chiedere a me e Francesca di aprire insieme un gruppo. L’idea è stata totalmente di Martina, ci tengo a specificarlo e poi ha coinvolto Francesca e me. Da lì è nata una bella collaborazione e poi una bella amicizia.

Nel gruppo Calligrafando insieme, oltre a scambiarsi consigli, idee e informazioni utili, le admin hanno creato una sorta di “sfida”, un allenamento giornaliero di calligrafia per gli iscritti, chiamato “challenge”.

Che cos’è e come è nata l’idea della challenge del mese?

Francesca: la challenge del mese si può dire che l’abbia creata io, seguendo appassionatamente  le ragazze americane su Instagram, dove ogni mese c’è una challenge. Così, mi è venuta l’idea di farla nel nostro gruppo e da lì, ad aprile, abbiamo iniziato, con parole che riportavano al mese, come “Pasqua”, “coniglio”, “uova”.

Ho avuto l’idea per alcune challenge di tradurre le frasi motivazionali che ho trovato in varie challenge in inglese su Instagram e anche su Pinterest ho trovato piccole frasi o delle brevi poesie. Piccole perché alcune ragazze non sono ancora portate a scrivere l’intera frase, tante preferiscono ancora una parola per esercitarsi, anche se secondo me si prende confidenza scrivendo una piccola frase.

Anita: la challenge è una sfida, è un modo per giocare nel gruppo, sfidarci tra noi, portando avanti un compito giornaliero che ci dà la possibilità di confrontarci tra noi. L’idea è nata per tenere vivo lo spirito del gruppo e ci dà la possibilità di esercitarci. Ogni giorno c’è una frase o una parola da dover riscrivere: dopo che una delle admin posta la foto, sotto la nostra foto, ci sono tutte le altre delle persone che vogliono partecipare con la propria scritta.

É molto carina l’idea della challenge perché ogni giorno, sotto la foto iniziale dell’admin, ci sono tutte le altre foto con mille stili diversi e personalità diverse. Abbiamo fatto sia challenge che abbiamo trovato su Internet, soprattutto su Instagram, sia challenge originali, nostre, di Calligrafando insieme e questo è molto bello perché è una cosa soltanto nostra.

Martina: La challenge è una sfida, dove una persona deve eseguire una cosa richiesta. Nel nostro caso è quella di scrivere o una parola o una frase, ogni giorno. Ognuno è libero di scegliere il font, quale strumento utilizzare, può scrivere anche in stampatello, l’importante per noi è che si diverta. L’idea è nata da Francy, che segue tantissime challenge e, quindi, perché non crearne una anche all’interno del gruppo? Spesso pubblicavamo le challenge che seguivamo e le persone erano interessate.

La cosa, però, era abbastanza dispersiva perché pubblicavamo challenge sempre diverse. Avere una challenge all’interno del nostro gruppo stimola di più le ragazze ad avvicinarsi a questo mondo, perché hanno una scadenza, in base a quello che decide la singola persona, in base alla voglia e al tempo che può dedicare alla cosa.

Ho notato, da quando l’abbiamo cominciata ad oggi, anche nello stesso mese, i vari progressi che fa una persona. La mano si scioglie, il muscolo si scioglie, si ha più praticità nell’usare gli strumenti, più dimestichezza nel fare le cose. Se una ragazza confronta la foto di inizio mese con quella di fine mese nota la differenza e i miglioramenti che sta facendo.

Ecco un esempio di challenge del gruppo Calligrafando insieme:

Vi è piaciuta l’idea delle admin di creare il gruppo Calligrafando  insieme?