Autore: francesco baccini

francesco baccini – E se ci diranno

Vedremo soltanto una sfera di fuoco, più grande del sole, più vasta del mondo; nemmeno un grido risuonerà, solo il silenzio come un sudario si stenderà fra il cielo e la terra, per mille secoli almeno, ma noi non ci saremo. Poi per un anno la pioggia cadrà giù dal cielo e i fiumi solcheranno la terra di nuovo, verso gli oceani correranno, e ancora le spiagge risuoneranno delle onde, e in alto nel cielo splenderà l’arcobaleno, ma noi non ci saremo. E catene di monti coperti di neve saranno confine a foreste di abeti mai mano d’uomo le toccherà, e ancora le spiagge risuoneranno delle onde e in alto, lontano, ritornerà il sereno, ma noi non ci saremo. E il vento d’estate che viene dal mare intonerà un canto fra mille rovine, fra le macerie delle città, fra case e palazzi che lento il tempo sgretolerà fra macchine e strade risorgerà il mondo nuovo, ma noi non ci saremo. E dai boschi e dal mare ritorna la vita, e ancora la terra sarà popolata, fra notti e giorni il sole farà le mille stagioni e ancora il mondo percorrerà gli spazi di sempre per mille secoli almeno, ma noi non ci...

Read More

francesco baccini – Al centro commerciale

A m sun desdé stamatéina l’è primavéra ma al piòv a m sun desdé stamatéina l’è primavéra ma al piòv, a n pos purtéret fòra anch sl’lè dmanga perchè a n gh’ò ménga al vsti nòv, a n gh’ò ménga al vsti nòv, oh sé… A gh’era tò péder sù l’òss, a I m’à dmandè quand a té spòs, ma gh’era tò péder sù l’òss, a I m’à dmandè quand a té spòs mé, ch’a fagh fadiga a magnér per mé, péinsa mò béin s’a x’foss in dò, péinsa mò béin s’a x’foss in dò… E quand l’é gnuda tò médra a gh’ò dmandé in dòv t’ér té, Ho dét, quand l’é gnuda tò médra a gh’ò dmandé in dòv t’ér té, oh sé, la m’ha rispòst ch’tér andéda via con un ch’al gh’à più sòld che mé, con un ch’al gh’à più sòld che mé, oh sé… E mé a sun ché in mez a la stréda séinza savéir csa pòsia I fé l’é bròtt débòn sté a la dmanga a bsaca vòda e séinza té e intant a m piòv sòvra a la testa e a sòn tòt mòi còmm un pulséin, a sòn tòt mòi còmm un pulséin, oh sé… A sòn da sòl d’lòngh a la stréda e a zigh dabòun còmm un putéin, A sòn da sòl d’lòngh a la stréda e a zigh...

Read More

francesco baccini – Lei Sta Con Te

Eccomi, bicchiere tra le dita E gente sconosciuta intorno a noi Venderei a pezzi la mia vita Per essere un minuto come vuoi Ma guardami, non sono l’uomo che credevi tu Povera madre Sì, lo so… il tempo passa e non ce la fai più Ad aspettare Qui non c’è mai nessuno che mi parli di te Io mi perdo nel fumo di mille parole Per fingere che… E cerco ancora qualcosa nel silenzio che c’è Lungo questo cammino io trovo di nuovo Le tracce di te Sai… di te ho sempre quel ricordo: Seduta mi accarezzi il volto e poi Resti lì, con quel sorriso sordo Di chi sa che ha finito i giorni suoi Quando anch’io avrò qualcosa forse smetterò Di farmi male Ora no… starò seduto dentro a questo bar Ad aspettare Qui non c’è mai nessuno che mi parli di te Io mi perdo nel fumo di mille parole Per fingere che… E cerco ancora qualcosa nel silenzio che c’è Lungo questo cammino io trovo di nuovo Le tracce di te Lungo questo cammino io trovo di nuovo Le tracce di...

Read More

francesco baccini – Il topo mangia il gatto

Un vecchio e un bambino si preser per mano e andarono insieme incontro alla sera. La polvere rossa si alzava lontano e il sole brillava di luce non vera; l’immensa pianura sembrava arrivare fin dove l’occhio di un uomo poteva guardare e tutto d’intorno non c’era nessuno, solo il tetro contorno di torri di fumo. I due camminavano, il giorno cadeva, il vecchio parlava e piano piangeva. Con l’anima assente, con gli occhi bagnati seguiva il ricordo di miti passati; i vecchi subiscono le ingiurie degli anni, non sanno distinguere il vero dai sogni, i vecchi non sanno nel loro pensiero distinguere nei sogni il falso dal vero. E il vecchio diceva, guardando lontano, “Immagina questo coperto di grano, immagina i frutti, immagina i fiori, e pensa alle voci e pensa ai colori, e in questa pianura, fin dove si perde, crescevano gli alberi e tutto era verde, cadeva la pioggia, segnavano i soli, il ritmo dell’uomo e delle stagioni”. Il bimbo ristette, lo sguardo era triste e gli occhi guardavano cose mai viste, e poi disse al vecchio, con voce sognante “Mi piacciono le fiabe, raccontane...

Read More

francesco baccini – Amore Disordinato

Non starò più a cercare parole che non trovo per dirti cose vecchie con il vestito nuovo, per raccontarti il vuoto che, al solito, ho di dentro e partorire il topo vivendo sui ricordi, giocando coi miei giorni, col tempo… O forse vuoi che dica che ho i capelli più corti o che per le mie navi son quasi chiusi i porti; io parlo sempre tanto, ma non ho ancora fedi, non voglio menar vanto di me o della mia vita costretta come dita dei piedi… Queste cose le sai perché siam tutti uguali e moriamo ogni giorno dei medesimi mali, perché siam tutti soli ed è nostro destino tentare goffi voli d’azione o di parola, volando come vola il tacchino… Non posso farci niente e tu puoi fare meno, sono vecchio d’orgoglio, mi commuove il tuo seno e di questa parola io quasi mi vergogno, ma c’è una vita sola, non ne sprechiamo niente in tributi alla gente o al sogno… Le sere sono uguali, ma ogni sera è diversa e quasi non ti accorgi dell’energia dispersa a ricercare i visi che ti han dimenticato vestendo abiti lisi, buoni ad ogni evenienza, inseguendo la scienza o il peccato… Tutto questo lo sai e sai dove comincia la grazia o il tedio a morte del vivere in provincia perché siam tutti uguali, siamo cattivi e buoni e abbiam gli...

Read More

Speciale Maggie & Bianca

Maggie e Bianca - logo ginger

Video Recenti

Loading...